Bibione, si allarga il collegio difensivo di Giuseppe Morsanuto

SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO. Si allarga il collegio difensivo di Giuseppe Morsanuto con la nomina a difensore di fiducia dell’Avv. Sara Frattolin del Foro di Udine, in aggiunta all’Avv. Angela Grego del Foro di Pordenone.

“La delicatezza delle attività di indagine e della posizione del Morsanuto, il cui ruolo deve essere ancora adeguatamente vagliato e di cui si ipotizza la portata del tutto marginale nella vicenda, impongono riserbo assoluto – fanno sapere i Difensori di Morsanuto -, pertanto allo stato nessuna intervista verrà rilasciata dai Legali dell’indagato”.

“Vi è altresì l’auspicio che la cronaca giudiziaria – proseguono – si esprima in termini di cautela e rispetto nei confronti del Morsanuto senza scadere in titoli giornalistici scandalistici e lesivi della dignità dell’indagato”.

Di fatto già in data 15 settembre 2021 lo stesso Studio Legale Grego aveva riferito con una nota alla nostra Redazione che in merito ai fatti accaduti che hanno interessato la città di Bibione, l’assistito Giuseppe Morsanuto si dichiarava “completamente estraneo a tutti i fatti” e che intendeva fornire “la sua più ampia collaborazione all’attività di indagine, confidando nell’operato della Magistratura” rimarcando come “l’Associazione che rappresenta e il Comune di San Michele al Tagliamento fossero parte lesa nella vicenda“.

Ricordiamo che agli arrestati vengono – secondo l’accusa – “contestati diversi episodi di estorsione aggravata dal metodo mafioso, per avere costretto, con reiterate condotte intimidatorie, numerosi commercianti ambulanti friulani e veneti a non esercitare la propria attività imprenditoriale”. “Lo scopo era quello di riuscire ad ottenere un diretto controllo delle attività economiche e condizionare così il libero mercato”. “In alcuni casi sono state organizzate vere e proprie spedizioni punitive armate nei confronti di chi non sottostava alla egemonia imposta dal capo del gruppo criminale”.

Davanti a queste pesanti accuse bisognerà ora fare chiarezza, ricostruire, con specifica attribuzione di responsabilità, il ruolo di ogni figura per la quale sono state emesse le misure cautelari, provvedimento provvisorio disposto dall’autorità giudiziaria.

Nell’immagine di copertina l’Avvocato Angela Grego.

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.