Sesto al Reghena, investe un cane, non se ne accorge: resta incastrato per 9 km

3

Erano da poco passate le ore 9 di ieri, lunedì 9 settembre 2019, quando alla sala operativa di Pordenone i vigili del fuoco arriva la chiamata per un cane incastrato nel vano motore di un’automobile.

Immediatamente scatta l’allerta anche ai cinovigili dell’azienda sanitaria pordenonese.

Una giovane automobilista, residente a Concordia Sagittaria si è accorta, solo giunta a destinazione a Ramuscello, che nella sua Fiat Punto era rimasto incastrato tra il paraurti ed il vano motore un cane di taglia media.

Agli operatori del Soccorso la conducente ha riferito di aver sentito un botto mentre percorreva la strada che da Cintello porta a Cordovado verso le 6 del mattino mentre si recava al lavoro.

La sfortunata ha cercato di estarlo in ogni modo senza riuscirci e quindi dovendo di conseguenza allertare i pompieri.

I vigili del fuoco di San Vito al Tagliamento hanno provveduto ad estrarlo non senza difficoltà constatando la morte dell’animale, con ogni probabilità deceduto all’istante nel momento dell’impatto.

La polizia locale di Sesto al Reghena si sta occupando dell’identificazione del proprietario del cane il quale risultava libero e incustodito.

Il padrone rischia ora di dover risarcire la giovane automobilista per i danni riportati all’automobile.