3.5 C
Udine
martedì, 25 Gennaio, 2022

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Udine al n. 997/21

Contatti e Comunicati: redazione@nordest24.it - WhatsApp 327.9439574

📺 Rassegna Stampa ore 6:30, anche in TV canale 11 (e HD 511)

Soccorsi due giovani escursionisti in difficoltà in Valsorda

Marano di Valpolicella (VR). Si è concluso alle 21 l'intervento del Soccorso alpino di Verona in aiuto...

Quirinale, Giorgia Meloni propone Carlo Nordio

"Molte personalità, che provengono dall'area del centrodestra, avrebbero il curriculum e lo standing per ricoprire il ruolo...

Lorenzo, morto durante stage: minuto di silenzio e commozione in classe

Un minuto di silenzio e raccoglimento è stato osservato questa mattina all'Istituto Bearzi di Udine, la scuola...

Covid, il Friuli Venezia Giulia è in zona arancione: cosa cambia

Da oggi il Friuli Venezia Giulia è in zona arancione. Lo scorso autunno a causa del diffondersi...

Covid, bollettino Veneto: 6.118 casi nelle ultime 24 ore

In Veneto nelle ultime 24 ore sono stati 6.188 i nuovi contagi ( 8.788 in meno del giorno precedente)...

Morte sul lavoro: “infortuni, finanziare centro per la sicurezza”

"Facciamo nostre le parole del presidente Piero Mauro Zanin: il Consiglio regionale deve essere pronto a recepire...

Con l’auto nel canale di scolo, salvato un anziano con la testa parzialmente in acqua

Alle 18.15, di domenica, i vigili del fuoco sono intervenuti in Va Moron a Pressana in provincia...

Caro bollette: l’impennata danneggia le imprese e riduce il reddito delle famiglie

(Venezia, 15 gennaio 2022) – E’ di tutta evidenza come il trend al rialzo dei prezzi delle materie prime energetiche risulti in fortissima accelerazione, influendo in modo drammatico sui costi di gas ed elettricità, ma a cascata anche sulle altre utility energivore come ciclo idrico e gestione rifiuti. Questa situazione, che si è palesata già ad ottobre/novembre 2021, laddove molte imprese a parità di consumi hanno visto lievitare e in alcuni casi quasi raddoppiare la cifra in bolletta, sfiora adesso l’emergenza sociale colnuovo, previsto ma temibilissimo aumento che sembra ormai inevitabile.

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha previsto che nel primo trimestre 2022 si registrerà un aumento del costo dell’energia elettrica con una variazione della spesa complessiva del 55%.

“Il punto – afferma Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Unione Metropolitana Venezia e Rovigo – è che tali aumenti, pur di entità eccezionale e di difficile sostenibilità per un’impresa di qualsivoglia dimensione, seguono quelli già avvenuti che hanno inciso pesantemente sulle tasche di tutte le imprese, le quali hanno visto impennare il costo dell’energia praticamente da un giorno all’altro”.

Nessuna tipologia di impresa si salva da questa mannaia, tutte sono colpite proporzionalmente ai costi che sostengono che, pur nelle diversità, risultano insostenibili anche per breve tempo. “Non si può pensare – sottolinea Zanon – che il fabbisogno energetico riguardi solo i settori dell’industria e dell’artigianato produttivo: la batosta è altrettanto pesante, nei numeri e nella sostanza, per tutto il mondo del terziario. Con la crisi che c’è e con quanto tutti i settori, e in particolar modo quello del terziario, hanno patito, aumenti di questo tipo rischiano di far esplodere situazioni già difficili da sostenere che riguardano ogni tipo di realtà aziendale. Le imprese medio piccole non hanno avuto un danno diverso, pur se più contenuto in valore assoluto, rispetto a quello di altri tipi di attività dove le cifre proporzionali alle dimensioni forse impressionano di più”.
E il caro bollette provoca non solo costi diretti per le imprese, ma anche l’inevitabile ridimensionamento del reddito reale delle famiglie e della loro capacità di spesa, che, inesorabilmente, si tradurrà ancora una volta in una contrazione dei consumi che andrà a discapito delle imprese.

Le imprese – prosegue Zanon – non possono essere lasciate sole ad assorbire l’urto della crisi energetica internazionale, né possono essere chiamate a reggere l’effetto soluzioni mirate a un diverso impatto ambientale. Le scelte sull’ambiente sono condivisibili in linea di principio, ma devono trovare un equilibrio con la necessità di mantenere il Paese in piedi da un punto di vista economico con i tempi necessari. Occorrono riforme strutturali e misure immediate per compensare gli effetti negativi, che, diversamente, rischiano di mettere in ginocchio, anche ma ancora una volta, il mondo del terziario, il più penalizzato da questa pandemia”.

Entra nel canale Telegram Nordest24

Potrai ricevere prima di tutti le principali notizie di cronaca in tempo reale! E' gratis.

🖥 IN PRIMO PIANO

Fumata nera per il Colle, alla Camera prevalgono le schede bianche

Al primo giorno di votazione fumata nera per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica, i partiti scelgono in massa la scheda bianca. Intanto, dopo...

A Latisana la docente più giovane d’Italia”: Adele a 18 anni in cattedra

LATISANA. Adele Federico, di Scafati, in provincia di Salerno, è lei la docente più giovane del Paese. Nata il primo marzo 2003,...

Incendio in abitazione ad Altivole: danni ingenti, in salvo una donna

Verso le 16.15 di oggi lunedì 24 gennaio 2022 i Vigili del Fuoco dei distaccamenti di Castelfranco e Montebelluna sono intervenuti ad...

Covid: oggi in Fvg 2119 nuovi contagi e 9 decessi

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 2.666 tamponi molecolari sono stati rilevati 406 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 15,23%....

Altre notizie...