Fvg, attestati ai volontari attivi nel periodo di emergenza Covid-19

87

“Un tributo di riconoscenza al sistema del volontariato, straordinario in questa regione, che con i suoi uomini e con le sue donne ha offerto solidarietà, generosità, assistenza durante il difficile periodo pandemico. Esprimo gratitudine a tutte le componenti del volontariato nella consapevolezza che esse saranno ancora fondamentali in un’emergenza che è ancora in corso”.

Lo ha detto il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, in occasione della cerimonia di consegna degli attestati ai volontari che si sono resi disponibili nel periodo di emergenza Covid-19 e che si è tenuta oggi in piazza Duomo ad Aviano grazie alla locale amministrazione comunale. Dopo i saluti del primo cittadino Ilario De Marco Zompit, Riccardi ha aperto il suo intervento ricordano Antonio Cataldo, il medico di base che per oltre trent’anni si è preso cura dei pazienti del paese e che lo scorso dicembre è morto, in seguito alle conseguenze del Covid-19.

“Un uomo straordinario, prima di essere medico, che generosamente ha combattuto l’epidemia fino a perdere la vita analogamente a molti sanitari che hanno dedicato la loro professione al contrasto al virus”.

“Oggi ringraziamo il sistema del volontariato – ha affermato il vicegovernatore – sapendo che lo dovremo ringraziare ancora per quello che ancora dovrà essere fatto: il virus circola e in questa fase, più pesante rispetto alla prima, dobbiamo continuare ad adottare le misure anticontagio tenendo sempre presente che l’andamento dipende dai nostri comportamenti. In questo contesto, il vaccino resta l’unica arma per contrastare la pandemia e la presenza del sistema del volontariato sarà ancora una volta fondamentale anche per la prosecuzione della campagna vaccinale”.

L’esponente della Giunta Fedriga ha auspicato un incremento della dotazione dei vaccini per accelerare l’inoculazione e portare a conclusione questo difficile periodo nel quale “le finestre di libertà che dobbiamo preservare, devono convivere con il coronavirus e per farlo è necessario il rispetto delle regole per la nostra e l’altrui salute”.

I primi 16 riconoscimenti sono stati ritirati dal coordinatore della Protezione civile locale, Paolo Fedrigo, premiato dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, e saranno consegnati alle persone della Protezione civile comunale; i successivi 28 sono andati ai volontari di supporto al Centro di riferimento oncologico di Aviano attraverso il direttore generale del Cro Francesca Tosolini, cui si sono aggiunti quelli per i 17 volontari civici ritirati dal coordinatore Livia Guglielmin e premiati dal vice sindaco Ciro Carraturo, e quelli per i volontari della casa di soggiorno per anziani di Aviano.

Sono seguiti, infine, gli attestati di merito al Corpo nazionale soccorso alpino e speleologo del Friuli Venezia Giulia, all’Ana di Aviano, Marsure, Giais e San Martino di Campagna e ai volontari della Croce Rossa di Aviano.

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.