I concerti Cividalesi accolgono il 2020 a ritmo di tango

6

MANZANO. Il ciclo dei Concerti Cividalesi, promossi dall’Associazione Sergio Gaggia, saluta l’inizio del 2020 con un appuntamento di assoluto livello a villa Romano, a Case di Manzano, dove alle 18 di domenica 5 gennaio verrà proposto un viaggio sonoro in una forma musicale nata per la danza, il tango italo/argentino di José Bragato (Udine 1915 – Buenos Aires 2017) e di Astor Piazzolla.

L’esibizione rappresenta un omaggio, dunque, a grande musicista friulano che in Argentina raggiunse la fama in ambito sinfonico, nella riproposizione di musica folkloristica – argentina, appunto, e paraguaiana – e, soprattutto, nello sviluppo di quel Nuevo Tango fra i cui protagonisti brillò Astor Piazzolla, con il quale Bragato collaborò lungamente, in qualità di compositore, arrangiatore e violoncellista.

Le appassionate pagine musicali saranno contrappuntate da una voce narrante, in un testo che ripercorrerà l’adolescenza friulana dell’artista – in una Udine frastornata dagli eventi del primo dopoguerra – e l’esperienza in Argentina, con lo studio appassionato del pianoforte e del violoncello, fino ai successi che lo portarono ad entrare nel famoso Octeto e nell’Orchestra de Cuerdas, tramite i quali si diffuse nel mondo un tango inedito, capace di innovare e stravolgere la tradizione e i ritmi di quello originale. 

In scena due talenti regionali, il pianista Andrea Boscutti – che ha dedicato un approfondito studio alla figura di Bragato, ottenendo anche dalla famiglia un’esclusiva su molti spartiti e documenti del violoncellista italo-argentino -, e Riccardo Pes, al violoncello; la voce recitante sarà quella di Paolo Coretti. Un inchino, dunque, a un grande artista, distintosi nel panorama musicale internazionale e sempre accompagnato da un forte sentimento d’amore e nostalgia per la terra d’origine, il Friuli.

Ingresso al costo di 10 euro (8 i ridotti, per i soci Gaggia e gli studenti dei Conservatori).