Premiati i giovani infermieri impegnati nei reparti Covid di Gorizia e Trieste

163

Cuore Giallo è l’iniziativa promossa dalla cantina Primosic di Oslavia per ringraziare gli infermieri in prima linea nei reparti Covid 19 a Gorizia e Trieste.
Il progetto ha avuto come obiettivo sostenerli, seppur con un aiuto simbolico, per dimostrare loro tutta riconoscenza per questi mesi difficili, molto molto impegnativi.

Il 10% delle vendite della Ribolla Noir di tutto il periodo natalizio è andato devoluto agli infermieri e il 15 gennaio al Palace Hotel di Gorizia i 24 giovani neolaureati hanno ricevuto fisicamente i riconoscimenti (buoni spesa da spendere nei punti che hanno collaborato al progetto) alla presenza del sindaco Rodolfo Ziberna e della presidente dell’OPI Gorizia Gloria Giuricin.

Ad essere premiati sono stati 5 infermieri di Gorizia – di cui tre in rappresentanza all’evento del conferimento del premio- e 19 di Trieste che riceveranno il riconoscimento attraverso il rappresentante della presidente dell’OPI Trieste.

Si ringraziano tutti i professionisti che hanno partecipato all’iniziativa in maniera volontaria, i fornitori, i sostenitori e tutti i clienti che, brindando con la Ribolla Noir, hanno contribuito alla riuscita di questo progetto benefico.

I virgolettati

“E’ stato un progetto che abbiamo promosso e ideato con estremo entusiasmo e trasporto grazie anche al gruppo di lavoro che ci ha sostenuti in maniera volontaria e ai punti vendita che hanno sposato l’iniziativa aiutandoci a comunicarla nel migliore dei modi.
Grande è stata la soddisfazione in un momento terribile e difficile per molti operatori amici, come Bar e ristoranti che seppure in lockdown, hanno cercato per quanto possibile di sostenerci, condividendo assieme il progetto.
I giovani sono la nostra speranza; questi, in particolare, hanno dimostrato di essere ancora una volta una risorsa preziosissima e piena di valori tangibili. Iniziare a lavorare nei reparti Covid dopo 3 giorni che ti sei laureato è, a tutti gli effetti, un gesto di forte consapevolezza. Con il nostro piccolo contributo volevamo far loro sapere che siamo a loro grati, tanto per averlo fatto concretamente quanto per il forte messaggio che hanno dato alla comunità.” Marko Primosic, per la cantina Primosic.

“Ringrazio a nome di tutti gli Infermieri la famiglia Primosic e il Suo staff per il riconoscimento pubblico offerto alla nostra professione, ma soprattutto per la sensibilità dimostrata verso i giovani laureati nel 2020 e inseriti in contesti lavorativi impegnativi, nuovi e di grosso impegno fisico e intellettuale, le cosiddette Aree Covid: degenza, Pronto Soccorso, Terapie Intensive. La professione Infermiere si fonda su conoscenze tecnico-scientifiche e sui valori deontologici. In questo momento abbiamo dovuto impegnarci a salvaguardare la vita , ma anche a sostenere la paura e la solitudine dei nostri assistiti. Una malattia altamente contagiosa, con repentine e spesso imprevedibili evoluzioni al peggioramento. Un’ esperienza professionale di forte impatto emotivo. Un grazie speciale da parte dell’ Ordine delle Professioni infermieristiche di Gorizia va a tutti i nostri Infermieri”. Gloria Giuricin, Presidente dell’OPI (Ordine delle Professioni Infermieristiche di Gorizia).

“L’OPI Trieste ringrazia la cantina Primosic per l’iniziativa Cuore Giallo, dimostrazione di come l’impegno e la professionalità dimostrata dai colleghi più giovani nel rispondere a questa emergenza sanitaria, trovino riscontro positivo nella comunità. Un gesto che aldilà del valore simbolico esprime la riconoscenza del territorio nei confronti di giovani professionisti, che sono stati capaci di adattarsi rapidamente ad una situazione estremamente complessa ed in continua evoluzione. Ed è proprio per fornire supporto ai colleghi neolaureati, che si affacciano per la prima volta al mondo professionale, che l’Ordine da poco rinnovato, ha istituito a partire da quest’anno la Consulta Opi Giovani: un gruppo di consiglieri under 35, che nei mesi e anni a seguire, avrà il compito di supportare gli Infermieri che intraprendono questo percorso, rendendoli protagonisti consapevoli del proprio futuro professionale.” Stefano Camedda, Consulta Opi Giovani (OPI Trieste)

“Attraverso Cuore Giallo ci è stata data l’opportunità di sostenere i giovani in maniera più decisa e questo è solo l’epilogo del primo capitolo che ha ispirato un progetto di ampio raggio da sviluppare sul nostro territorio di cui daremo presto notizia. L’obiettivo è coinvolgere tanti giovani professionisti e creare connessioni con il mondo del lavoro per creare una rete che possa pescare nei valori di questo progetto già concluso e sviluppare nuovi programmi all’insegna della sostenibilità sociale.” Conclude Marko Primosic

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.