Sacile. Gestiva lo spaccio da casa: rinvenuti soldi, droga e armi bianche

870

Nel mese di dicembre, la Polizia Locale di Pordenone-Cordenons ha dato seguito ad una attività delegata dalla Procura della Repubblica, perquisendo un’abitazione a Sacile e rinvenendo diverso materiale illegale.

Nell’ambito dei controlli dei parchi cittadini, finalizzato alla prevenzione di atti illeciti ed alla sicurezza delle persone, gli Agenti della Polizia Locale di Pordenone-Cordenons avevano fermato nel mese di novembre due ragazzi diciottenni.

Uno di loro era stato trovato in possesso di alcuni grammi di Marijuana e segnalato alla Procura della Repubblica come assuntore. All’altro ragazzo non era stato rinvenuto nulla, ma il suo modo di comportarsi e la sua sicurezza, avevano destato sospetti negli operatori. Grazie ad una veloce quanto prolifica attività d’indagine, è scattata la perquisizione a carico di D.F.N. nell’abitazione dove risiede con la sua famiglia a Sacile.

L’attività coordinata dal P.M. Carmelo BARBARO, ha visto impegnati oltre agli Agenti di Pordenone, la Polizia Locale di Sacile e l’Unità Cinofila di San Michele al Tagliamento. Grazie anche al cane antidroga CONAN, sono state rinvenute diverse dosi di Maijuana, oltre mille Euro di proventi derivanti dall’attività illecita di spaccio e suddivisi in banconote da piccolo taglio, bilancini di
precisione, barattoli e buste sottovuoto con residui di sostanze illegali.

Inoltre venivano trovati un macete e un bastone estensibile in metallo, simile a quelli in uso alle Forze dell’Ordine. Il ragazzo veniva denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo d’armi. Tutto il materiale veniva posto sotto sequestro.

Sostieni Nordest24

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.