Spostamenti, senza Decreto le Regioni riaprono. Rassegna stampa 8 febbraio

358

Uno degli ultimi atti del governo Conte II è stato limitare gli spostamenti tra Regioni, in tutte le zone (anche gialle), fino al 15 febbraio 2021.

Dopo le dimissioni dell’ormai ex premier, le consultazioni al Quirinale e il mandato esplorativo affidato da Sergio Mattarella a Roberto Fico hanno evidenziato l’inesistenza di un accordo tra le forze politiche.

Così il presidente della Repubblica è intervenuto incaricando Mario Draghi, ex numero uno della Bce, di formare un nuovo governo. Ma dati i tempi stretti non è detto che possa insediarsi entro il 15 febbraio.

In tal caso sarebbe ancora vietato spostarsi da una Regione all’altra?

Spostamenti tra Regioni vietati fino al 15 febbraio: cosa può succedere dopo senza un governo

Molte delle misure dell’ultimo Dpcm firmato da Giuseppe Conte hanno come data di scadenza venerdì 5 marzo. Il divieto di spostamento fra le Regioni, però, cade il 15 febbraio. Così come quello legato alla riapertura delle piste da sci. Senza un provvedimento del governo per prorogare la scadenza si potrebbe tornare a viaggiare, ma l’assenza di un Esecutivo pone il dubbio.

Mentre il Comitato tecnico scientifico ha appena dato il via libera agli impianti dal 15 febbraio (ma solo in zona gialla), i gestori chiedono adesso la rimozione del divieto di uscire dai confini regionali. Al momento il governo uscente non ha richiesto alcun parere al Cts.

I presidenti delle regioni si dicono pronti a riaprire tutto se non arriveranno ordini contrari.

Di questo e molto altro abbiamo parlato questa mattina durante la rassegna stampa in diretta alle ore 6:30 che è possibile riascoltare cliccando qui.

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.