Trieste, 26enne tenta il suicidio: la polizia lo salva in extremis

A quel punto, i poliziotti, con calma e diplomazia, hanno avviato un lungo dialogo con il ragazzo, riuscendo a riportarlo alla ragione e facendolo desistere.

504

TRIESTE. Ieri pomeriggio,una pattuglia della Polizia di Stato ha salvato la vita ad un ventiseienne che aveva telefonato al numero di emergenza per manifestare agli operatori l’intento di volersi suicidare.

Giunti immediatamente sul posto, gli agenti della Volante hanno individuato il ragazzo che, alla vista dei poliziotti, ha iniziato a correre verso il bosco sovrastante la sua abitazione, dove aveva allestito, nei pressi di un precipizio, uno sgabello ed una corda, con relativo cappio, attaccata ad un ramo di un albero.

Il ragazzo, senza esitazione alcuna, è salito sullo sgabello e,dopo aver assicurato la corda al collo, ha intimato ai poliziotti che lo stavano inseguendo di non avvicinarsi; altrimenti avrebbe messo fine alla sua vita, lasciandosi cadere nel burrone.

A quel punto, i poliziotti, con calma e diplomazia, hanno avviato un lungo dialogo con il ragazzo, riuscendo a riportarlo alla ragione e facendolo desistere.

Dopo una complessa mediazione culminata con la conquistata della fiducia del ventiseienne, gli agenti sono riusciti ad allontanarlo dal luogo prescelto per il gesto estremo elo affidavano al 118 per le cure necessarie.

Donazione a Nordest24.it

10,00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.