Green pass, via libera dal Garante per la privacy ma bocciata l’App IO

Il Garante per la privacy ha dato il via libera alla piattaforma nazionale per il rilascio del cosidetto green pass, il certificato che permetterà di spostarsi  tra le regioni e partecipare ad eventi ma in merito alle app per recuperare il green pass, il Garante ha autorizzato solo l’uso dell’App Immuni, ma ha rinviato l’impiego dell’App IO a causa delle criticità riscontrate in merito alla stessa. 

Il green pass, introdotto dal decreto “Riaperture” per consentire gli spostamenti tra Regioni e l’accesso a eventi pubblici e sportivi, è ora previsto, nelle zone gialle, anche per partecipare alle feste in occasione di cerimonie civili e religiose. 

L’Autorità ha dato parere favorevole ma ha già avvertito il Governo sulle criticità dell’attuale versione del decreto “Riaperture”, ricordando la necessità di individuare con chiarezza, in sede di conversione in legge del decreto, i casi in cui può essere chiesto all’interessato di esibire la certificazione verde per accedere a luoghi o locali.

In particolare, il Garante chiede chiarezza sulle finalità per le quali potrà essere richiesto il green pass che dovranno essere stabilite con una norma di rango primario.

Inoltre, la norma dovrà prevedere che le certificazioni possano essere emesse e rilasciate solo attraverso la Piattaforma nazionale-DGC e verificate esclusivamente attraverso l’App VerificaC19.

ULTIM'ORA - FLASH NEWS
.:: ENTRA ::.