Tragedia in A28: morto Nicolino Barbolan. Grave la figlia

È stato fatto il possibile per salvare l'uomo 86enne originario di Forni Avoltri ma durante il trasporto all'ospedale è deceduto

15435

In data odierna lunedì 20 gennaio 2020 il raccordo autostradale A28 è stato teatro di un grave incidente in direzione Conegliano, all’altezza dell’uscita Sacile est, che ha imposto ai vigili del fuoco di Pordenone di intervenire con due automezzi, prima partenza e autogrù, per operare sulle due autovetture coinvolte.

L’impatto è avvenuto per tamponamento nella stessa direzione di marcia ed una delle due autovetture ha perso la stabilità rotolando sulla carreggiata autostradale per rimanere, alla fine, sottosopra con all’interno due persone, una donna con l’anziano padre di 86 anni, che in conseguenza perdeva la vita nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori.

L’uomo, Nicolino Barbolan era originario della Carnia, Forni Avoltri, ma residente a Casier in provincia di Treviso.

Durante il trasporto verso l’ospedale l’anziano è deceduto a causa delle gravi lesioni riportate.

La figlia B.B che viaggiava assieme a Nicolino si trova ricoverata in gravi condizioni, ma a detta dei sanitari non sarebbe in pericolo di vita.

L’incidente stradale è avvenuto verso mezzogiorno di oggi ti ha richiesto la chiusura dell’autostrada con l’uscita obbligatoria a Fontanafredda.

Inevitabili le lunghe ed interminabili code di autovetture e mezzi pesanti rimasti bloccati a causa dell’incidente.

Presenti sul posto il personale del soccorso sanitario, Polizia Stradale e l’elicottero del 118 inviato dalla centrale Sores di Palmanova, decollato dalla base di Campoformido.